Mafia, confermato il sequestro dell'impero del costruttore Zummo

1' di lettura 01/12/2020 - La Corte d'Appello di Palermo ha confermato il sequestro del patrimonio dell'imprenditore edile Francesco Zummo, considerato vicino a Cosa nostra dai tempi di Riina e Provenzano per il riciclaggio di denaro nel settore edilizio.

La Direzione investigativa antimafia ha eseguito il provvedimento di sequestro disposto dalla Corte d'Appello dopo un lungo iter processuale. Posti i sigilli a undici aziende, centinaia di conti correnti e immobili costituiti da appartamenti, ville, terreni e aziende agricole a Palermo e provincia, oltre a cinque complessi residenziali nella provincia di Siena.

"A partire dalla fine degli anni ’60 - spiega la Dia in una nota - Francesco Zummo, con il consuocero Vincenzo Piazza (ritenuto consigliere della famiglia mafiosa di Palermo-Uditore) e il defunto socio nonché suo fedele braccio destro Francesco Civello fu tra i principali responsabili del 'sacco di Palermo', ordito dal noto esponente politico mafioso Vito Ciancimino, realizzando un impero edile di circa 2.700 immobili".

___________________________________________
È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Telegram, cliccando nei link della tabella sotto e iscrivendosi GRATUITAMENTE.
Sono attivi anche i nostri canali social: Facebook e Twitter, per trovarli basta cliccare nei link della tabella sotto.

Città Telegram Social
Agrigento @vivereagrigento FB
Caltanissetta @viverecaltanissetta FB - Twitter
Catania @viverecatania FB - Twitter
Enna @vivereenna FB - Twitter
Messina @viveremessina FB - Twitter
Palermo @viverepalermo FB - Twitter
Ragusa @vivereragusa FB - Twitter
Siracusa @viveresiracusa FB - Twitter
Trapani @viveretrapani FB





Questo è un articolo pubblicato il 01-12-2020 alle 13:56 sul giornale del 02 dicembre 2020 - 209 letture

In questo articolo si parla di cronaca, mafia, marco vitaloni, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bD93