"Le vie dei tesori" ritorna a Bagheria

9' di lettura 08/09/2021 - L'anno scorso è stata la vera sorpresa del festival: Bagheria vive da sempre all'ombra del capoluogo, ma nasconde benissimo le sue ricchezze – chiese inattese, i palazzi della villeggiatura nobiliare, i musei piccini e le case d'artista – tanto che durante Le Vie dei Tesori il pubblico si è mostrato piacevolmente stupefatto.

Numeri bellissimi per un debutto da 6020 spettatori, che la cittadina è andata a cercarsi ad uno ad uno. Oggi è decisa a bissare il successo: apre dieci luoghi con belle novità, riconferme attese e una sorpresa, il bellissimo Arco Azzurro - il ponte degli innamorati tanto caro dai Baci Perugina – dove, oltre alle visite, si potrà partecipare a sedute di Yoga al tramonto: per recuperare equilibrio e benessere, dopo mesi per tutti difficili, salutando il sole che si tuffa nell'acqua. E ritornano anche due esperienze costruite s-ul mare, gite in barca a vela da Santa Flavia al castello di Solanto, e immersioni con la guida di un sub. "Bagheria lo scorso anno è stata la terza città più visitata del festival, oltre seimila partecipanti con una splendida ricaduta sul territorio. Un volano per fare di più e meglio" dice il sindaco di Bagheria Filippo Tripoli.

"Con il festival, tesori veramente nascosti vengono aperti e narrati. Quest'anno abbiamo introdotto l'Arco azzurro, dove per anni c'era un edificio di un mafioso che le amministrazioni comunali scorse hanno demolito e ora lì sorge un belvedere panoramico aperto alla Città, che ospiterà sessioni di yoga al tramonto; e la chiesa delle Anime Sante, tra le più belle del territorio. In questo momento è difficile fare cultura, ma noi imperterriti ci crediamo ancora" dice l'assessore alle Attività culturali Daniele Vella mentre per l'assessore al Turismo, Brigida Alaimo "è un'opportunità da cogliere anche perché Bagheria ha finora vissuto in ombra rispetto a Palermo. E sarà bellissimo visitare il museo en plein air di 21 donne di Aspra che raccontano le tradizioni della borgata marinara".

Le Vie dei Tesori ritorna quindi a Bagheria da sabato prossimo, per tre weekend, dall'11 al 26 settembre. Con il supporto del Comune sono stati scelti con cura dieci luoghi per rileggere la città alla luce delle sue ricchezze culturali. E coupon acquistati saranno validi anche per visitare anche Carini, Monreale e Termini Imerese, poi Palermo e Cefalù (a ottobre). Tre weekend, per un nuovo festival di "resistenza", il secondo post covid: l'anno scorso, in piena pandemia, quando ogni rassegna rimandava o rinunciava ai suoi programmi, Le Vie dei Tesori ha deciso di provarci, riscrivendo ogni visita e ogni percorso nel segno della sicurezza, privilegiando luoghi all'aperto, sostituendo le visite guidate con audioguide d'autore ascoltabili dal proprio smartphone. "Le Vie dei Tesori è tre cose: è la narrazione, la storia di un luogo e la messa a sistema di quello che c'è attorno - interviene Laura Anello, presidente della Fondazione Le Vie dei Tesori -; ma è anche il racconto della comunità che si mette in gioco e si riappropria dei suoi spazi".

E quest'anno Le Vie dei Tesori sono di nuovo pronte alla sfida: con i Borghi dei tesori che hanno fatto da apripista – 57 piccoli centri che hanno deciso di creare una rete sotto l'egida della Fondazione Le Vie dei Tesori sposandone il format - ecco le prime 12 città del 2021 pronte a scendere in campo: le prime a settembre: oltre a Bagheria, Monreale, Noto, Trapani, Mazara e Marsala, scendono in campo le due "veterane" Caltanissetta e Messina, e si uniscono le debuttanti Caltagirone, Enna, Carini e Termini Imerese; e Bagheria; dal 2 al 17 ottobre toccherà a Sciacca, Cefalù, Erice, Ragusa e Scicli e fino al 31, a Palermo e Catania. Un festival che ha portato la cultura fuori da palazzi istituzionali e atenei, ha sperimentato, cercato, scoperto percorsi e siti: ed è cresciuto ogni anno. Riconquiste per i cittadini e occasioni imperdibili per i turisti. Ma è soprattutto la manifestazione che costruisce reti: con Unicredit come main sponsor – Atanasio Domino, area manager Retail Palermo provincia ha sottolineato come "Unicredit è proprio la banca del territorio e tende a valorizzare, con interventi come questo, la crescita del territorio stesso" -, il festival ha saputo creare sinergie e dialogo, e attivato un progetto che si compie grazie alla collaborazione di oltre duecento partner: Regione, Atenei, Comuni, Diocesi, gestori privati, istituzioni dello Stato, proprietari di palazzi nobiliari.

Senza contare le aziende enogastronomiche che partecipano al progetto satellite, Terre dei Tesori, e apriranno cantine, vigneti, frantoi, caseifici, vivai, aziende di coltivazioni di frutti tropicali, in collaborazione con il dipartimento Agricoltura della Regione siciliana. Un progetto che si anima della narrazione collettiva, della voglia di riappropriazione dei cittadini, della partecipazione delle centinaia di giovani che ogni anno si uniscono alla squadra di organizzatori, narratori, esperti del territorio, giornalisti. Il sito www.leviedeitesori.com è una miniera dove trovare schede, fotografie, aneddoti e curiosità, sfogliare il magazine e programmare le proprie visite, sempre in modalità 4.0. Prenotazioni caldamente consigliate, distanziamento, acquisto dei coupon on line. Dove non sarà possibile svolgere visite guidata di presenza, ci si affiderà aaudioguide d'autore, registrate da storici dell'arte, archeologi, studiosi del paesaggio, esperti della città e curate dagli Amici delle Vie dei Tesori, il club di appassionati che scelgono di restare accanto a Le Vie dei Tesori tutto l'anno, usufruendo di una serie di agevolazioni.

LE VIE DEI TESORI A BAGHERIA

Un nuovo viaggio alla scoperta della città, arricchito dalle numerose esperienze, da prenotare subito visto che i posti sono veramente pochi (www.leviedeitesori.com). Scoprire Bagheria vuol dire cercare le tracce degli Alliata, dei Valguarnera, dei Branciforti, dei Gravina, dei principi di Cattolica, e mischiarle ai saluti vittoriosi dei primissimi circoli comunisti che sfidavano la DC. La visita non può che partire dalle residenze nobiliari dove il tempo si è fermato. E dunque, Palazzo Butera, buen retiro del principe di Pietraperzia deluso dalla politica; e Villa Ramacca, edificata dal principe Bernardo Gravina, a cui si accede percorrendo un lungo viale di piante esotiche. Ritorna l'ultimo pittore di "masciddara": Michele Ducato ha come "amici" Angelica e il paggio Medoro oppure Astolfo che cerca sulla luna il senno di Orlando, oltre a santi e cavalieri, saracini e crociati, nati dalla sua mano artigiana.

Di musei ci sarà solo l'imbarazzo della scelta: ovviamente si parte dalla collezione di Villa Cattolica, immersione nell'universo di Guttuso – ma il festival porterà anche nella chiesetta di Aspra dove, da giovane pittore "comunista", consegnò alla Storia i visi dei pescatori, e per questo vide i suoi affreschi "cancellati" per decenni - ma si raggiungono anche due musei-gioiello nati dall'inventiva di privati appassionati: al Museo dell'Acciuga si racconta il mondo "povero" della pesca e della salagione; al Museo del Giocattolo ci si perderà tra bambole in pannolenci, pupattole in biscuit, carrozzine in alpacca. Si chiude con il santuario di Maria Santissima Immacolata Regina delle Anime Sante, la "Gioia di Bagarìa" nata come cappella della congregazione dei Miseremini, sotto la protezione dei duchi Branciforte Gravina. Da due anni possiede addirittura uno stemma araldico. E infine l'Oasi Blu, inattesa casa d'artista, già molto amata lo scorso anno, una wunderkammer sorprendente tra cappelle votive, altari ai viaggiatori illustri, memorabilia raccolte da un ex ferroviere prestato all'arte.

ESPERIENZE

Ritornano due esperienze tra le più gettonate dello scorso anno, che andarono quasi subito sold out: le escursioni in barca a vela nel golfo di santa Flavia, costeggiando il waterfront e arrivando al castello di Solanto; e le immersioni con la guida di un sub esperto, un vero battesimo del mare pensato solo per il festival. Quest'anno è stato aggiunto anche "Portami ad Aspra", museo en plein air costruito da 21 donne della borgata che hanno dato voce ai racconti dei vecchi. Ma la vera sorpresa la si avrà raggiungendo al tramonto l'Arco Azzurro dove due esperti di meditazione e suonoterapia, Anna Gagliano e Marco Mineo, condurranno tre diverse sessioni – i chakra del cuore, il bagno sonoro antistress, la campana di quarzo e didgeridoo per favorire il riequilibrio - per avvicinare lo yoga, anche per i neofiti. Con la loro guida, si scopriranno esercizi e posizioni che permetteranno di risvegliare energie nascoste e acquisire una carica positiva e di benessere.

TERRE DEI TESORI

Una nuova esperienza per Le Vie dei Tesori e per chi la segue: andare alla scoperta di aziende agricole di eccellenza che grazie al Programma di sviluppo rurale (PSR) Sicilia, finanziato dal Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR), hanno ammodernato impianti e strutture adeguandosi così agli obiettivi di ecosostenibilità sanciti dal Green Deal europeo e dalla strategia del "Farm to fork". Una misura di sostegno ai giovani che scommettono per la prima volta in agricoltura rilevando aziende esistenti (anche dei nonni o dei genitori) o creandone di nuove. E così si sono insediati più di tremila giovani agricoltori, che hanno avviato progetti concreti di ammodernamento e sviluppo nelle proprie realtà agricole, introducendo nuove tecnologie o adottando processi produttivi e gestionali innovativi. Questi "imprenditori 10 e lode", di cui Le Terre dei Tesori propone una selezione, sono un esempio per chi volesse riconsiderare l'attività agricola e la vita in campagna, oggi valida alternativa ai grandi centri urbani. Durante il festival, molte aziende apriranno le porte alle visite, alla conoscenza del loro mondo e alle degustazioni. L'elenco e le esperienze su www.leviedeitesori.com

UN FESTIVAL IN SICUREZZA

L'intero festival Le Vie dei Tesori in Sicilia quest'anno durerà oltre due mesi, contando anche i primi due weekend tra i borghi, appena conclusi: con oltre trecento luoghi da visitare – tra chiese, castelli, palazzi, case d'artista, oratori -, esperienze inedite e passeggiate curiose. Da scoprire in completa sicurezza, nel rispetto delle normative anti Covid-19: i luoghi saranno visitabili a piccoli gruppi, con numeri diversi a seconda di ciascuno spazio e delle caratteristiche dei siti. È stata istituita ovunque la prenotazione on line, che non è obbligatoria ma caldamente consigliata: per quel che riguarda le visite nei luoghi basterà acquisire il coupon su www.leviedeitesori.com o all'info point allestito a Villa Cattolica – Museo Guttuso - via Ramacca, 9 (dal martedì alla domenica, dalle 9 alle 18); o anche nei due punti informazione a Palermo in piazza Verdi e in piazza Bellini. Per passeggiate ed esperienze, prenotazioni e coupon su www.leviedeitesori.com o (senza la garanzia di trovare posto) sui luoghi di raduno.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-09-2021 alle 18:52 sul giornale del 09 settembre 2021 - 116 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa, bagheria

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cihQ





logoEV