Sequestrati al porto 41 mila capi di abbigliamento di contrabbando

1' di lettura 23/09/2022 - L'esito dei controlli doganali al porto di Palermo

I finanzieri del 1° Nucleo Operativo Metropolitano della guardia di finanza ed i funzionari del locale Ufficio delle Dogane, nell’ambito delle operazioni di controllo al Porto di Palermo, hanno sottoposto a sequestro oltre 41.000 capi d’abbigliamento stipati in un semirimorchio proveniente da Tunisi e destinati a due importatori, uno con sede nel capoluogo siciliano e l’altro nel novarese.

L’ispezione del carico ha permesso di scoprire la tentata introduzione nel territorio dello Stato, in contrabbando, di oltre 41.000 capi d’abbigliamento, sottoposti, quindi, a sequestro preventivo, e di denunciare i rappresentanti legali delle società importatrici per il reato di contrabbando, aggravato dalla falsità delle indicazioni preliminarmente apposte dagli stessi sui previsti documenti doganali. I capi d’abbigliamento, sottratti al pagamento dei previsti diritti doganali, pari a circa 30 mila euro, qualora immessi in commercio avrebbero fruttato complessivamente alle società importatrici circa 400.000 euro.






Questo è un articolo pubblicato il 23-09-2022 alle 12:18 sul giornale del 24 settembre 2022 - 28 letture

In questo articolo si parla di cronaca, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/drzm





qrcode