SEI IN > VIVERE PALERMO > CULTURA
articolo

"Sì, ma verso dove?" A 30 anni dal martirio di don Puglisi nuova sottolineatura filatelica

3' di lettura
184

“Sì, ma verso dove?” Era una delle frasi note di Don Pino Puglisi, sacerdote palermitano che il 15 settembre 1993 veniva ucciso sulla soglia di casa dalla mano mafiosa. In questi 30 anni, il ricordo e l’opera di questo prete coraggioso e determinato vivere nel concreto la missione evangelizzatrice, non sono state mai dimenticate.

Oggi la sua “eredità morale” viene animata dal Centro Accoglienza Padre Nostro (fondato da Don Puglisi il 16 luglio 1991). Il Centro, posto nel cuore del quartiere Brancaccio, si occupa di portare avanti la missione di Padre Pino, come luogo ove coniugare l’evangelizzazione alla promozione umana con la partecipazione attiva alla vita cristiana soprattutto delle fasce più svantaggiate, combattendo il disagio e l’emarginazione sociale. L’attenzione di Padre Puglisi si rivolse soprattutto al recupero dei minori già reclutati dalla criminalità mafiosa, riaffermando nel quartiere una nuova cultura della legalità.

La beatificazione

Padre Pino Puglisi, al termine del processo di riconoscimento del martirio dove sono state sottolineate la sua fedeltà al Signore e l’assoluta incompatibilità della mafia con il messaggio evangelico, viene proclamato Beato il 25 maggio 2013 a Palermo. Nel marzo 2018, in occasione del 25° dalla scomparsa lo Stato italiano ha emesso un francobollo (della serie “Senso Civico”) che riporta una delle frasi del Beato “Non ho paura delle parole dei violenti, ma del silenzio degli onesti” dove si racchiude la cifra di questo prete coraggioso e determinato ad alimentare una missione a tanti apparsa, all’epoca, impossibile. Il frutto del suo lavoro è ora ben evidente nel suo Centro di Accoglienza che può contare sull’appoggio di istituzioni e di oltre 100 volontari e professionisti (psicologi, assistenti sociali, ginecologa, avvocati e altro) che sviluppano tantissimi progetti, tutti volti all’assistenza ed all’inclusività.

Il trentennale attraverso un annullo filatelico

Il Centro Padre Nostro, nel solco della trazione che sottolinea ad ogni ricorrenza la scomparsa ed il ricordo del suo Fondatore, ha richiesto a Poste Italiane di inserire, all’interno delle celebrazioni per il 30° anniversario dalla scomparsa di Padre Puglisi, uno speciale annullo filatelico. L’impronta, in formato tondo, riporta un’immagine del Beato sorridente ed è completata dalla scritta “XXX Anniversario Martirio Beato Giuseppe Puglisi – Il Centro di Accoglienza Padre Nostro ne fa memoria – 13.9.2023 – 90133 Palermo”. Il servizio temporaneo di Poste Italiane sarà disponibile il giorno 13 settembre con una postazione dedicata presso la Cattedrale di Palermo, Via Vittorio Emanuele 490 dalle ore 16,00 alle ore 20,00. L’annullo sarà poi disponibile, dopo l’utilizzo, per i 60 giorni successivi presso l’Ufficio Postale di Palermo Centro – sportello filatelico – Via Roma 320, al termine di quali verrà depositato presso il Museo di Storia della Comunicazione di Roma.

Sarà inoltre disponibile per l’obliterazione una speciale cartolina postale “Fumetto Forever card”, emessa in 1993 copie. Si tratta di un disegno liberamente tratto dalla graphic novel “Don Puglisi” di Marco Sonseri e Riccardo Pagani (Renoir Comics 2021) e rientra nell’ambito del progetto delle Edizioni Amatoriali QUBOTONDO a sostegno del progetto “Adotta con la Figurina” e delle associazioni impegnate nella lotta alle mafie.

Per tutte le informazioni sul programma completo www.centropadrenostro.it

Il tempo non scalfisce il ricordo e soprattutto rinvigorisce, da quel tragico 15 settembre, una missione che appare come la “foresta che cresce” silenziosa, operosa, ricca di frutti di speranza e di concreto aiuto verso un domani più giusto come avrebbe voluto Don Pino.





Questo è un articolo pubblicato il 09-09-2023 alle 08:35 sul giornale del 11 settembre 2023 - 184 letture






qrcode